Relazione tra piani energetici e cavo orale

Sul piano fisico sono ben noti a tutti i problemi che possono espandersi dal cavo orale al resto del corpo.

Infezioni acute o croniche originate dai denti o dalle gengive possono avere gravi ripercussioni nel resto del corpo. 

Problemi di occlusione possono causare disordini della postura con dolori lombari o cervicali, mal di testa oltre che problemi all’articolazione tempora-mandibolare.

Purtroppo sono decisamente meno note le relazioni sul piano energetico tra i campi di disturbo, “focalità”, presenti nel cavo orale e patologie che si esprimono  in altre parti del corpo, e che per la medicina ufficiale appaiono inspiegabili.

Una cicatrice residua da estrazione o una tasca parodontale, piuttosto che un granuloma presente su un dente devitalizzato sono alcuni esempi di “focalità”.

Esistono nel nostro corpo rapporti energetici tra organi ed apparati che la Medicina Tradizionale Cinese conosce da millenni, e che si svolgono lungo il decorso dei meridiani di agopuntura.

Nella bocca convergono, a vari livelli, tutti i meridiani energetici del nostro corpo. 

Una focalità presente in bocca può essere la causa di disturbi avvertiti in altri punti del corpo,lungo il decorso del meridiano interessato. Per questa ragione è fondamentale un accurato esame della bocca, per individuare ed eliminare queste focalità, se presenti.

Questo approccio permette anche di evidenziare cause che sebbene siano esterne alla bocca ,sono tuttavia all’origine di patologie orali, essendo reciproci i rapporti energetici tra il resto del corpo e la bocca.

Questa reciprocità è particolarmente evidente nei rapporti tra occlusione e postura. Un disturbo dell’articolazione temporo-mandibolare può essere legato ad un difetto di appoggio podalico , e curato con successo con l’applicazione di una soletta.

Un frenulo linguale corto, che determina deglutizione atipica si ripercuote sulla colonna vertebrale, modificandone le normali curve di compenso.

Un altro aspetto abitualmente trascurato è la compatibilità tra il nostro sistema immunitario e i materiali da restauro e protesi presenti nella nostra bocca.

Esistono materiali tossici in sé , come l’amalgama d’argento usata per le otturazioni, per il fatto di essere costituita al 50% da mercurio e numerosi altri metalli pesanti.

 Altri materiali  possono essere dannosi per l’intolleranza  di quella persona verso quello specifico materiale.

Riconoscere la presenza  in bocca di materiali nocivi per la nostra salute e conseguentemente rimuoverli nella maniera corretta è talvolta risolutivo di patologie anche gravi e che durano da anni.

La presenza di metalli in bocca causa anche microcorrenti galvaniche che talvolta sono responsabili di dolori articolari o muscolari intrattabili.  Dolori che vanno in remissione dopo la rimozione dei manufatti responsabili delle microcorrenti galvaniche.

E’ importante per un medico avere una conoscenza approfondita della propria specialità, è altrettanto importante però avere coscienza di quel tutto al quale anche il suo campo ristretto appartiene.

Fondamentale è la collaborazione con altri colleghi formati in altre specializzazioni ma che condividono lo stesso approccio terapeutico olistico.

Non perderti i prossimi articoli dove verranno approfonditi tutti questi argomenti!!